Skip links

Tipi di jeans uomo: quali differenze?

I jeans sono nati come indumento da lavoro esclusivamente maschile nella seconda metà del XIX secolo, ma sono ormai presenti nel guardaroba di (quasi) tutte le persone nel mondo. Nonostante il classico cinque tasche regolare sia ancora il modello più apprezzato, esistono diversi tipi di jeans uomo che possono essere scelti e indossati a seconda del gusto, dell’occasione o della fisicità. Scopriamoli insieme.

 

La storia del jeans a cinque tasche

 

Nonostante abbia più di 100 anni, il convenzionale modello a cinque tasche sembra non invecchiare mai e rimane il più popolare tra tutti i tipi di jeans. La data di nascita ufficiale dei blue jeans è il 20 maggio 1873, quando Levi Strauss & Co. ricevette il brevetto per aver rinforzato le tasche dei pantaloni in denim (il tessuto con cui vengono creati i jeans).

Il capo brevettato, inventato da Jacob Davis e prodotto a livello industriale da Levi Strauss, aveva, però, solo quattro tasche: tre frontali (una delle quali più piccola per l’orologio da taschino, un accessorio popolare alla fine del XIX secolo) e una posteriore. Il design originale durò fino al 1901, quando venne aggiunta una seconda tasca posteriore.

Il jeans a cinque tasche è un capo estremamente versatile, durevole e democratico, che può essere utilizzato per realizzare vari tipi di jeans uomo, che si distinguono per la loro vestibilità. I nomi dei tipi di jeans indicano, spesso, proprio il modo in cui vestono la gamba: i regular hanno un taglio classico, gli slim stretto, i loose largo, e così via.

 

Tutti i tipi di jeans uomo Candiani Custom

 

Nel nostro laboratorio Candiani Custom, offriamo jeans per ogni fisico. I nostri modelli comprendono regular, slim e loose, tre classici che non hanno tempo e non passano mai di moda e che vengono adattati per le specifiche esigenze di ogni cliente e per le caratteristiche del tessuto scelto.

A febbraio 2024, abbiamo, inoltre, introdotto tra i nostri tipi di jeans uomo un modello sartoriale, da realizzare con denim cimosato (ovvero, con un filo colorato sul bordo bianco, creato su tradizionali telai a navetta). La sua vestibilità riprende quella del regular, ma diversi dettagli lo rendono più sofisticato di un jeans convenzionale.

 

Jeans regular

 

I jeans regular rappresentano il più tradizionale tra i tipi di jeans da uomo e offrono una vestibilità comoda e bilanciata. Il loro taglio classico gli permette di essere il modello base per ogni guardaroba. Tra i vantaggi dei jeans regular, spiccano il comfort e la capacità di adattarsi a ogni fisicità (ma attenzione alla lunghezza dell’orlo!).

 

Jeans slim

 

La tipologia di jeans uomo slim è una via di mezzo tra i regular e gli skinny (i più attillati). I jeans slim hanno vita e gamba più strette dei regular, ma non sono eccessivamente aderenti. La lunghezza ideale arriva alla scarpa, ma non la copre. I jeans slim sono perfetti per coloro che vogliono un capo che segua la linea della gamba senza sacrificare il comfort e la libertà di movimento.

 

Jeans loose

 

Tra tutti i tipi di jeans uomo, i loose sono uno dei più rilassati, ideali per occasioni informali e look casual. Spesso ispirati alla cultura hip hop e skate degli anni ’90, sono apprezzati per la comodità e la grande libertà di movimento che offrono.

 

Come scegliere le caratteristiche della propria tipologia di jeans uomo?

 

Oltre alla vestibilità, tessuto, colore e lavaggio sono fondamentali per scegliere la tipologia di jeans uomo più adatta per ogni individuo e stile. Da Candiani Custom, è possibile scegliere tessuti rigidi, cimosati o elasticizzati (compresi quelli della famiglia COREVA™, la prima di denim stretch progettati per compostarsi), di colore indaco, écru o neri e a lavaggio scuro, medio, chiaro o crudi.

 

 

Il tessuto adatto per i diversi tipi di jeans uomo

 

Il denim rigido 100% cotone, soprattutto se cimosato, è quello originale, in quanto deriva dal fustagno genovese del XVI secolo, un tessuto con trama in questa fibra. Questa varietà era perfetta per lo scopo iniziale del denim di creare abiti da lavoro pesanti e resistenti, ma, negli ultimi decenni, ha iniziato a essere considerata come poco confortevole da molti.

Negli anni ’80 del secolo scorso, è, quindi, diventato popolare il denim elasticizzato, utilizzato, inizialmente, soprattutto per creare diversi tipi di jeans per donne. Tra i vantaggi di questa tipologia di tessuto, oltre al già citato comfort, troviamo, infatti, la possibilità di creare modelli più fascianti per valorizzare le forme con jeans aderenti.

Il denim elasticizzato è ideale per realizzare i tipi di jeans uomo skinny e slim, che si differenziano per il grado di aderenza dei capi alla gamba. Gli slim seguono, infatti, le forme naturali del corpo senza essere eccessivamente stretti. Realizzare questi tipi di jeans uomo su misura permette di avere un capo che si adatti perfettamente a queste forme.

 

Le differenze tra i colori e i lavaggi

 

Il denim è tradizionalmente blu. Le origini dell’uso di questo colore sono da ricercare nell’Europa del XII secolo, quando i catari diffusero la coltivazione del guado, la pianta da cui ricavavano il blu per tingere i tessuti. Quando Vasca da Gama aprì un nuovo collegamento tra Europa e India, l’uso dell’indaco iniziò a soppiantare quello del guado grazie al drastico calo del suo prezzo.

Nel XVI secolo, anche i camalli del porto di Genova utilizzavano l’indaco per tingere i loro abiti da lavoro. Il colore scuro era, infatti, indicato per coprire le frequenti macchie. La diffusione del fustagno genovese si unì a quella dell’uso dell’indaco grazie alla grande quantità di spedizioni che partivano dal capoluogo ligure verso tutto il continente (in particolare, verso Londra).

L’indaco scuro è, quindi, il colore indicato per chi cerca un jeans che sia senza tempo e versatile, che può adattarsi a diversi stili e occasioni. Il denim crudo, ovvero non lavato, è quello con l’estetica più autentica, che richiama l’epoca della corsa all’ora in California e dei cowboy ed è particolarmente indicata per i tessuti cimosati. Il denim cimosato Candiani Custom viene venduto solo crudo per valorizzare la sua tradizione e permettere a chi lo indossa di lasciarlo sbiadire a seconda delle proprie abitudini, scoprendo a pieno la bellezza dell’unico capo che diventa più bello invecchiando.

Il nero, invece, rende i jeans più eleganti e formali. La popolarità dei jeans neri è aumentata notevolmente quando Elvis Presley li indossò nel 1957 per promuovere il suo film Jailhouse Rock. Sia i jeans indaco che quelli neri possono essere lavati per ottenere un aspetto più vintage e usurato. Infine, l’écru è il colore naturale del cotone e offre una valida alternativa ai jeans più convenzionali.